Gli 8 insegnamenti di Pitagora

Esaminiamo alcuni aspetti della visione di Pitagora e del suo peculiare modo di esprimere la verità. Oggi, entriamo negli insegnamenti che erano essenzialmente di natura piacevole e divertenti.

1) E’ dovere di ogni studente ricondurre in questa Creazione uno sciocco prima che muoia, ovvero se stesso. Egli dovrebbe anche vedere che su questa terra c’è un uomo saggio di più, ovvero se stesso.
Puoi fare quello che vuoi. Questo è il minimo che ci si aspetta da uno studente spirituale.

2) Uno studente che non ha alcun controllo del proprio tempo, della propria mente, dei sensi, pensieri e ideali, è schiavo di qualsiasi creatura di questo mondo.
Finché non abbiamo il controllo del nostro tempo, ogni sciocco per strada può usarci. (…)
Trascorriamo il tempo senza uno scopo preciso. (…)
Così, Pitagora vuole intendere che la saggezza è appagamento. Ogni attività che non è capace di procurarti soddisfazione, è solo una attività meccanica. La macchina umana ha un suo proprio logorio e lacerazioni. Non possiamo compensare il tempo che abbiamo perduto poiché il nostro breve intervallo è già passato; sia un minuto, un’ora, o un giorno, non può essere riportato indietro per fare qualcosa di migliore. Abbiamo a che fare solo con la breve durata che ci rimane e ogni tempo mal speso è andato per sempre.

3) Cercare la conoscenza è correre verso te stesso; la tua ombra corre con te.
Quando corri nel sole, la tua ombra corre con te. Se il tuo viso è volto verso il sole, la tua ombra è alle tue spalle e ti segue. Ma se tu guardi verso la tua ombra, il sole è alle tue spalle e tu devi seguire l’ombra. L’ombra corre di fronte a te. La tua ombra è il tuo corpo e i suoi bisogni. (…)

4) Lascia che ci sia un mezzogiorno per ognuno. Solo quando è mezzogiorno non hai ombra sia dietro che davanti.
Quando il solo è sulla tua testa, è chiamato il punto di iniziazione. Egli lo chiama tecnicamente il tempo dell’alto dodici. Usava dei termini particolari: Alto Dodici e Basso Dodici. Ovvero, quando stai in piedi su questa Terra, se il sole è sulla testa, viene chiamato Alto Dodici, cioè mezzogiorno.  Quando il solo è sotto i tuoi stivali, è chiamato il Basso Dodici o l’ora zero. (…)
Anche durante l’Alto Dodici, solo quando stai in piedi eretto, puoi evitare l’ombra. Ciò significa, a meno che tu non stia in piedi eretto mentalmente e moralmente, che l’ombra esiste. Ciò è quanto viene chiamato vita retta e definito da Pitagora come le Verticali.
Natura rettilinea: retto pensiero, retto parlare e retto agire, rappresentano le Verticali. (…) Le Verticali rappresentano le virtù personali e la disciplina personale.
Pitagora definì anche gli Orizzontali come rappresentanti le virtù sociali o il nostro comportamento sociale verso la società.

5) Ci vogliono sei ore per il quadrupede per diventare umano.
L’evoluzione di un essere a quattro gambe ad un essere a due gambe è sei ore. Dunque, molto breve. Non è vero? Quello che qui vuol significare è che la posizione dell’Est e dell’Ovest indica gli Orizzontali, e per un quadrupede la colonna vertebrale è orizzontale. Gradualmente il quadrupede deve stare in piedi e diventare un uomo. In un essere umano, la colonna vertebrale è verticale e l’evoluzione dal regno animale a quello umano è un quarto dell’intera evoluzione biologica su questa terra. Se tu chiami un giorno l’intera evoluzione, nel suo senso tecnico, questo è un quarto del giorno. Se quel giorno ha le sue ventiquattro ore, questa evoluzione impiega 6 delle 24 ore. Dunque, il giorno è diverso dal nostro giorno solare. Qui, giorno vuol dire il giorno dell’evoluzione. (…)

6) Dio ha creato i giorni; l’uomo ha creato i giorni buoni e cattivi.
Noi facciamo qualcosa di buono e sperimentiamo i risultati, li chiamiamo giorni buoni. Noi facciamo qualcosa di cattivo e quando ne subiamo i risultati, li chiamiamo giorni cattivi. Così, noi mangiamo il frutto dei semi che seminiamo. Questa è la legge  del Karma, la legge del giudizio universale, la legge di causa ed effetto.

7) Invece di parlare di qualcosa, è meglio il silenzio e al posto del silenzio è meglio parlare di qualcosa di significativo.
Se il tuo discorso è di qualche utilità a te o agli altri, allora puoi parlare. Altrimenti puoi mantenere il silenzio. (…)

8) Pensa prima di gettare una pietra, pensa prima di gettare una parola.
Dopo aver gettato una pietra, solitamente pensiamo: «Non avrei dovuto farlo!» Ancora una volta ciò prova che siamo stupidi. La stessa cosa vale con le parole.(…)

Tratto da: «La saggezza di Pitagora» di Ekkirala Krishnamacharya

tramite: disinformazione.it

La Scuola di Pitagora: I Versi d'Oro
con un sagio introduttivo sul pitagorismo, a cura di J.Evola
Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

I Versi Aurei, I Simboli, Le Lettere

Il Messaggio Di Pitagora
Il pitagorismo nel tempo
Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

Nessun commento:

Posta un commento